Motoclub Hard Tracks

live your passion

È arrivato il tempo di lasciar perdere le fottute chiacchiere e di passare la parola ai motori.... Io mi approccio a commentare con l'accetta questa stagione con la solita circospezione di chi si aspetta di essere accoltellata alle spalle; ma sto anno lo giuro, non risparmierò nessuno, nemmeno se mi sparano!...perchè di buonismo nell'enduro si è visto fin troppo, ogni limite è stato superato...e ora mi sono proprio rotta ! Lo farò per vendicare tutti quei piloti frustrati, quegli appassionati di fuoristrada, da birra e sudore o birra e fango, quei motociclisti di un fuoristrada puro, genuino e vergine di interessi, sempre più raro, che si affascina ancora per quel tempo in cui l'enduro si chiamava regolarità; lo faro anche per quei giovani che si apprestano a gareggiare in questa disciplina senza peraltro avere la possibilità di crescere! Oggi, invece di portare all'esasperazione il tracciato, si sono porta all'esasperazione i costi; basti pensare che un quindicenne, squattrinato come lo era il Vice, prima di portare la sua moto al primo parco chiuso della stagione, deve vendere il culo fra visita licenza tessera e iscrizione gara! Appare a sto punto inesorabile il declino di questo motociclismo nel quale le classi regine sono quelle da l'anticamera della geriatria. Lo farò soprattutto perchè i piloti stessi si sono resi negli anni responsabili di troppi torti subiti.Torti che a distanza di anni sono dei veri crimini verso l'enduro. In primis, il torto di non avere mai pronunciato una parola contro chi ha remato contro, di aver appoggiato sempre le scelte di chi li rappresenta e di disinteressarsi di tutto e di tutti . Troppa acqua è passata sotto il ponte senza che nessuno muovesse il culo! Troppa! Eppure, di chiacchiere nei bar se ne fanno ancora a bizzeffe; tutti abili a criticare ma nessuno in prima persona ad esporsi quando c'è da muovere le chiappe.Non mi piace questo atteggiamento all'Occidentale, di non condannare chi ci sgozza o chi toglie i crocifissi dalle scuole, di chi ci dice e chiede senza dare; di chi ha predicato per decenni anche nell'enduro l'accoglienza illimitata, di chi ci ha sempre detto "abbiamo avuto il record di iscritti", di chi ha facilitato l'ingresso di cani ma soprattutto di porci nell'ambiente, brutte copie di appassionati, maleducati, teppisti, falsi motociclisti frustrati, vittime represse di altre specialità, pensionati che si credono campioni, ricconi che giocano con i loro capricci, sotto l' unica religione della coppetta da vincere! E ancora falsi moralisti, predicatori di fumo, Coordinatori profeti del nulla, che predicano all'ombra nel buio, che mai hanno affrontato i problemi della folla per non essere sbranati; mai ci hanno bussato a quella dannata porta! Li avrei subito accolti con una frase che se la memoria non mi sfugge pronunciò Tremonti a Berlusconi: "io sul piatto d'argento ci metto la testa, ma tu mettici i coglioni! Non risparmierò le case motociclistiche, maledette e amate al tempo stesso, che invece di rispettare con la propria tecnologia il territorio hanno spostato sempre più le moto da enduro verso il motocross con potenze devastanti e scarichi aperti come quelli delle baldracche, il tutto per le loro fottutissime strategie di marketing. Aspetterò al varco anche gli ambientalisti che come al solito devono spararla grossa per farsi sentire...vedi Legaambiente a Tolmezzo per il Triveneto, e altre manifestazioni; si fossero rimboccati le maniche una volta per ripulire un sentiero come noi enduristi invece di alitare idiozie!

Ce l'avrò con tutti insomma avrei un elenco di una lunghezza tale da cadere nel patetico !!!. La Zanzara

Motoclub Hard Tracks - Via XXI Aprile 4 - 33031 Variano di Basiliano (UD) - email: hardtracks.info@gmail.com
Copyright © 2014 Motoclub Hard Tracks. Tutti i diritti riservati.